Trieste, il suo tram e la sua Storia

Lo so ultimamente ho molto tralasciato questo mio angolo di universo che è questo piccolo sito dove racconto quello che gira attorno alle mie passeggiate, alle mie boccate di ossigeno e alle mie foto. E tempo di scrivere un po’ di cose nuove e di ripubblicare anche qui le mie foto che ultimamente sono state relegate al solo Facebook. Oggi parliamo di Trieste ed un po’ della sua variopinta storia.
Panoramica del littorale Triestino
Molo Audace
Medusa
Partiamo subito dal suo salottino, quella piazza unità d’Italia che rappresenta il cuore della architettura austroungarica che contribui a creare la città di Trieste. Ma prima di attraversare questa piazza ci fermiamo un po’ sul molo audace per ammirare il panorama della città, mentre la nostra guida ci racconta la storia di questi luoghi. Notiamo, tra i vari cenni di storia, in acqua un discreto numero di meduse non proprio piccole, anzi. Una cosa che ci è balzata subito ai occhi è la fervente attività delle persone. Tra gare di corsa, gare in bicicletta e persone che si allenano sulle acque del porto in canoa e le persone che si godono semplicemente questo prima caldo contribuiscono a dare un bel senso di vita a questa città.
Scorcio
Franco con la statua di Italo Svevo
Trieste è anche cultura, cultura che ci viene ricordata dalle varie statue che sono dedicate ai personaggi che hanno vissuto in questo luogo. Non possiamo che citare Italo Svevo o Umberto Sabba.
Tra le tante particolarità e unicità di questa città non si può non menzionare il Tram de Opicina, con il suo tratto in funicolare che gli consente di oltrepassare la forte pendenza che c’è tra la città e Opicina.
Le vetture di questo tram sono tutte vetture storiche in ottimo stato di conservazione, e percorrerlo da una bellissima sensazione di fare tuffo sul passato.
Il Tram de Opicina
Il tram ci porta fino al famoso Obelisco, da cui parte la nostra camminata che ci porterà fino al castello di Miramare. Un percorso semplice con una vista mozzafiato sulla città e sulla costa ma ricco di cenni storici sui conflitti bellici di questa zona.
Trieste dall’alto
Il nostro cammino ci porta ad attraversare il santuario mariano del monte Grisa, noto anche con il formaggino per via della sua forma.
Se il castello di Miramare conserva ancora un suo fascino non si possono di certo essere contenti di vedere lo stato in cui versa il parco e il giardino. Un verso sfregio a questo luogo.
E’ tempo di tornare a recuperare le auto a Trieste e concederci un po’ di mondanità per concludere questa passeggiata con un aperitivo.
Un grazie a Franco Polo per questa bella passeggiata 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *